Le valide alternative gratuite a Photoshop

photoshop

Gli amanti della fotografia e del fotoritocco possono contare su decine di programmi per l’editing delle foto in modo da modificare e migliorare i propri scatti, dandogli un tocco artistico.

Le tecniche di fotoritocco vengono adottate dai professionisti per correggere eventuali difetti dello scatto e prepararlo per la stampa, in questo caso scegliere la migliore stampante multifunzione wifi, può rappresentare un vantaggio in più, in quanto il risultato sarà di qualità superiore.

Non solo i professionisti, anche gli utenti appassionati si dilettano a modificare e personalizzare le fotografie, in loro aiuto ci sono vari software freeware che offrono uno strumento di lavoro completo, al pari del famoso Phostoshop.

Paint.net è un programma molto simile al famoso Photoshop ma molto più semplice da usare, è disponibile una barra con gli strumenti fondamentali e le istruzioni per usarli. Sono presenti vari menu, modifiche base, correzioni e attività di fotoritocco. Presenti anche gli strumenti di disegno e grafica vettoriale. Ci sono delle limitazioni per ciò che riguarda la selezione degli effetti, anche se è possibile installare plugin che aumentano le opzioni di fotoritocco.

PhotoScape, approdato anche su smartphone, non è un programma di fotoritocco ma permettere di creare collage combinando immagini e Gif, offrendo la possibilità di usufruire di strumenti base per la modifica delle immagine e stampare il risultato in modi diversi, in questo caso, avere la migliore stampante multifunzione wifi potrebbe darvi qualità di stampa del collage davvero spettacolare.

Infine, GIMP e Gimpshop sono due programmi che si possono installare su tutti i sistemi operativi, sono open source, il primo nacque nel 1995 ed è stato sviluppato e migliorato da appassionati, l’unico difetto è ce l’interfaccia non è bellissima.

GimpShop ha un’interfaccia più simile a quella di Photoshop, dato la molteplicità delle opzioni, delle barra per gli strumenti, i principianti potrebbero trovarsi un po’ in difficoltà nell’utilizzo, mentre i più esperti avranno tra le mani un software professionale a costo zero.

Gimp legge tantissimi formati tra cui i PSD di Photoshop, i file PS ed EPS, i file PDF e FLIC e le icone di Windows, conosciute con l’estensione ICO.

Regole e consigli per creare e gestire un blog

come-fare-un-blog

Il Blog aziendale rappresenta un punto di partenza per ogni brand che vuole pianificare una corretta strategia di marketing e in particolare di content e social media marketing. Attraverso uno strumento semplice come il blog, infatti, strumento che, da oltre un decennio, è utilizzato in tutto il mondo  per comunicare, condividere e veicolare informazioni promozionali, un brand può raggiungere nuovo pubblico, potenziali clienti e aumentare le proprie vendite.

Non hai ancora realizzato un blog aziendale? Ecco come aprire un blog e gestirlo. Possiamo seguire due strade molto semplici, la strada del fai da te, iniziando a capire quali possono essere i migliori strumenti gratuiti e che non richiedono particolari conoscenze informatiche, oppure la strada del professionista. Il consiglio è quello di affidarsi ad entrambi le soluzioni, ossia utilizzare un professionista per completare le proprie carenze in materie informatica e farsi seguire in attività che richiedono l’intervento di un esperto. Per realizzare un blog esistono diverse piattaforme la più utilizzata al mondo è WordPress, esistono poi servizi online che consentono di realizzare il proprio sito da zero scegliendo anche tra diversi modelli di grafica.

Una volta realizzato il blog occorre poi valutare la strategia di comunicazione, ossia pianificare gli argomenti da trattare e in che modo si vogliono presentare i propri prodotti e servizi. Curata la parte dei contenuti non resta altro che promozionare il tutto. Come fare? Il primo passo è la presenza sui social network, le reti dove ogni giorno transitano milioni di utenti e dove le discussioni scambiate tra gli utenti sono illimitate.

Disdetta Infostrada : come procedere

La disdetta Infostrada si deve inviare per cessare il proprio abbonamento adsl sulla linea telefonica. Il gruppo Wind Infostrada, infatti, è uno dei principali operatori telefonici attivi sul mercato con diverse offerte per chiamare e navigare in internet dalla propria linea fissa.

Come per le altre compagnie telefoniche, la disdetta Infostrada deve essere inviata a mezzo raccomanda A.R. Al seguente indirizzo: Wind Telecomunicazioni Spa – Casella Postale 14155 – Uff. Postale Milano 65 20152 Milano. Nella comunicazione si devono riportare tutti i dati relativi all’intestatario della linea telefonica fissa, un documento di identità, un ultima fattura telefonica e tutti i dati relativi all’intestatario della linea. Sul sito del gestore telefonico, Infostrada.it si può scaricare il modulo di disdetta infostrada

Il modulo si può scaricare in pdf, stampare, compilare in tutte le sue parti e inviare, con raccomandata A.R. I tempi di disattivazione sono mediamente di 30 giorni dalla data di ricezione del modulo di disdetta. Per quanto riguarda i costi di disdetta, variano in base alla tipologia di abbonamento, in caso di cessazione totale del servizio il costo è di 65 euro, in questo caso con la disdetta infostrada si perde anche il numero di telefono. Il costo scende invece a 35 euro se si invia disdetta contestualmente al passaggio verso un altro operatore telefonico.

Con la disdetta per l’operatore infostrada si possono acquistare dispositivi come modem e telefoni per una cifra forfettaria di 40 euro se non sono trascorsi 24 mesi di abbonamento, superata questa soglia il costo forfettari è di 1 euro.

Controllare da remote un antifurto con lo smartphone

antifurto_casa

Per chi non vuole affidare la propria sicurezza nelle mani di un estraneo e vuole garantire a se stesso e alla propria famiglia la dovuta tranquillità, esiste la possibilità di installare un antifurto casa fai da te professionale in maniera semplice, sicura ed economica. Sono infatti diverse le soluzioni di kit antifurto in offerta che si possono reperire dal sito specializzato in antifurto Sicurezza.pro Una selezione di kit antifurto professionali appositamente selezionati per garantire la massima sicurezza e allo stesso la facilità di installazione. Kit antifurto completi di sirena, telecomandi, sensori e combinatori telefonici GSM. Ogni Kit antifurto in offerta può essere ampliato con un numero di sensori, sistemi senza fili, centralini e sistemi di sorveglianza anche video e wi-fi. Tutti i sistemi di allarme sono inoltre di semplice configurazione, ogni cliente infatti, nella sicurezza del rispetto totale della propria privacy, può impostare zone di controllo, codici di accesso e numeri di cellulari per gli avvisi di allarme.

Tutti i sistemi di sicurezza disponibili su Sicurezza.pro possono essere personalizzati ulteriormente. Uno staff qualificato e sempre disponibile a per studiare la migliore soluzione di protezione in base alle esigenze del cliente, è infatti a disposizione per una pre-configurazione personalizzata.

Muovere i primi passi nel mondo degli antifurti

Disdetta Tele 2 : come procedere

Tele2-logo

Come per gli abbonamenti alla tv via satellite, anche per i contratti telefonici si può richiedere disdetta avvalendosi della Legge Bersani del 2007. Per inviare disdetta Tele 2 / Tele Tu si può scaricare un modulo dal sito dell’azienda e seguire le indicazioni per l’invio con raccomandata A/R.

In base ai servizi attivati al momento del contratto telefonico, ad esempio traffico voce, promozioni, traffico e canone ADSL, la disdetta Tele 2 TeleTu prevede dei costi per la dismissione del servizio. Il Contratto Tele 2 si rinnova infatti tacitamente ogni anno se non ci sono comunicazioni da parte dell’utente. La disdetta del contratto prevede un addebito di 60 Euro a cui si devono sommare altri 15 euro se si è in possesso di un modem dell’azienda fornito in comodato d’uso. La comunicazione deve essere inviata all’indirizzo TeleTu Italia Spa, Servizio Clienti, Casella Postale 1022 88046 San Pietro Lametino (CZ). Nel modulo di disdetta Tele 2 devono essere indicati tutti i dati dell’intestatario del contratto voce, i dati relativi al proprio contratto, codice cliente e un ultima fattura. Generalmente i contratti di fornitura di voce e adsl sono legati ad un addebito bancario, nel momento in cui si invia disdetta è preferibile disattivare anche le autorizzazioni per i pagamenti automatici, come ad esempio il Rid bancario su conto corrente.

L’operazione di cambio operatore telefonico è infine un operazione comune quando si cambia gestore. Si possono richiedere informazioni anche al gestore verso cui si intende passare la propria utenza. Ogni operatore ha un codice identificativo e, come per una richiesta di portatilità di una sim mobile, le due operazioni, disdetta vecchio gestore e passaggio al nuovo possono avvenire nello stesso momento. Ci si deve naturalmente informare sui tempi poiché possono esserci notevoli differenze nei tempi di attivazione dei servizi richiesti tra un gestore e l’altro.